Home Cronaca La denuncia: “Mia figlia non andrà a scuola perchè non c’è posto”

La denuncia: “Mia figlia non andrà a scuola perchè non c’è posto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:42
CONDIVIDI

Il caso riguarda una bambina che deve affrontare la quarta elementare a Mestre. La denuncia viene fatta dai genitori: “A causa delle misure anti-Covid le scuole rispondono che non hanno possibilità di aggiungere nuovi studenti”.

scuola-denuncia-genitori
Non c’è spazio nelle scuole? – meteoweek.com

Il nuovo anno scolastico partirà tra circa dieci giorni, la data del 14 settembre si fa sempre più vicina. Questo giorno è atteso con l’ormai acclarato mix di eccitazione per un appuntamento storico e il timore che qualcosa possa andare storto. E mentre gli enti locali vanno a braccetto con il Governo per gli ultimi provvedimenti, come l’acquisizione di dispositivi di protezione e di nuovi spazi per le lezioni, a Mestre scoppia un caso. Non mancano i problemi relativi alla possibilità di fare accedere i figli a scuola. E così arriva anche una denuncia.

A farla, attraverso le colonne de Il Gazzettino, è una coppia di genitori. La loro figlia dovrebbe affrontare quest’anno la quarta elementare, ma per il momento la certezza per lei è una sola: non c’è una classe che può ospitarla. “Mancano pochi giorni all’inizio di scuola ma ancora non riusciamo a trovare un posto per mia figlia che dovrebbe iniziare la quarta elementare“, svelano i due genitori. La denuncia si fa più intensa quando padre e madre fanno capire che ci sono evidenti problemi strutturali nel Mestrino. Anche perchè non ci sono spazi a sufficienza per tutti.

I genitori svelano: “Abbiamo provato a chiamarne tante, ma le scuole continuano a risponderci che a causa delle misure anti-Covid non hanno possibilità di aggiungere nuovi studenti“. Nel frattempo è stato fatto l’ultimo tentativo, quello estremo, ovvero i contatti con il Comune. Tuttavia, la replica è stata chiara: “Ci dicono che non possono fare nulla e che dobbiamo insistere con gli istituti. Ma lì veniamo rimbalzati da un ufficio all’altro nei quali continuano a ripeterci che un posto sembra non esserci“. Dunque la questione sembra non avere fine, quando l’anno scolastico è prossimo a cominciare.

Le scuole a Mestre sono stracolme – meteoweek.com

Tra le altre cose, la denuncia della coppia di genitori ha origini lontane. In particolare in due scuole di mestre, la primaria Vecellio e l’istituto San Marco, sono avvenuti i primi rifiuti: “La prima volta siamo stati rifiutati subito – hanno svelato i genitori – , poi ci hanno detto che stanno provando a risolvere in qualche modo ma non ci sono novità. Quindi non so ancora se mia figlia riuscirà a frequentare la quarta elementare“. La famiglia non ha la possibilità di iscrivere la figlia in una scuola privata, e nel frattempo i genitori dei suoi compagni si stanno muovendo per aiutarli.

Leggi anche -> Conte annuncia: “Da venerdì svuotato l’hotspot di Lampedusa”

Leggi anche -> Il virologo Burioni: “Non si dovrebbe votare nelle scuole, servono luoghi alternativi”

Ma la rabbia è ancora forte, e non potrebbe essere altrimenti. Anche perchè il rischio è quello di negare l’istruzione e l’insegnamento scolastico a una bambina che non ha ancora compiuto 10 anni. “Io capisco i dirigenti scolastici – conclude la madre – che si trovano, tra l’incudine e il martello, a dover gestire questa situazione critica a causa del Covid, con le classi affollate e la mancanza di indicazioni chiare e tutte le responsabilità caricate sulle loro spalle. Comprendo il caos ma mia figlia deve studiare come tutti gli altri bambini e il 14 settembre dovrà avere una classe“.