Alba Parietti a Storie Italiane | La censura nella musica : “Bisogna…”

Ancora oggi Eleonora Daniele dedica il secondo spazio di Storie Italiane alle censure dei brani che sempre, negli anni, ha colpito la musica anche se l’arte dovrebbe essere lasciata libera almeno secondo il parere di DJ-Ringo. In particolar modo, ecco che a rompere il silenzio è stata anche Alba Parietti in difesa dell’arte di un tempo e quella di oggi.

Alba Parietti a Storie Italiane – MeteoWeek

Nel corso degli ultimi giorni i testi delle canzoni moderne a confronto con quelle del passato sono diventati motivo di discussione nel programma di Storie Italiane condotto da Eleonora Daniele.

In particolar modo, ecco che oggi l’attenzione di concentra su un testo scritto da Renato Zero, Galeotto fu il canotto che racconta una gita fatta da una coppia durante la quale la donna cadde in mare e venne lasciata morire dal fidanzato.

Storie Italiane la censura nella musica – MeteoWeek

Bufera a Storie Italiane

A quanto pare il dibattito sulla musica, ormai in corso da giorni, continua ad animare la bufera a Storie Italiane e sul cui argomento è anche intervenuta Alba Parietti in modo implicito anche sul caso dell’eliminazione di Fausto Leali espulso dal Grande Fratello Vip per aver ripetuto più volte la parola ‘negro’ e che ha poi acceso i riflettori anche su un suo vecchio brano Angeli Negri.

In tal senso Alba Parietti che a Storie Italiane ha fatto la seguente dichiarazione:

“Bisogna contestualizzare, i testi al periodo storico. In questi giorni si è parlato di Angeli Negri, che all’epoca aveva un senso e che oggi ne prende un altro e diventa una parola giustamente impronunciabile perché la nostra cultura si è evoluta. Dico purtroppo perché quella era una gran bella canzone ma oggi politicamente scorretta, nonostante fosse cantata con tutte le buone intenzioni.

Eleonora Daniele Storie Italiane – MeteoWeek

“È fatto per giocare”

Lo sfogo fatto da Alba Parietti continua poi concentrandosi anche su come la musica debba essere tutelata dalle censure, e non fare modo che queste snaturino poi l’arte.

Leggi anche -> Storie Italiane come Carramba | Un ex coppia di nuovo in tv

Leggi anche -> J-Ax tuona contro Storie Italiane | Alessi : “Dovrebbero essere sterminati”

Storie Italiane – MeteoWeek

La cosa importante per Parietti, come lei stessa sostiene a Storie Italiane e fare in modo che l’attenzione sull’incitazione all’odio venga aumentata. Non a caso, ecco che la Parietti spiega il suo pensiero in questo modo:

“Per quanto riguarda Galeotto fu il canotto, Sordi sulla Nonnetta… Un conto è il sarcasmo esplicito dove il gioco supera anche il testo. È talmente chiaro che è fatto per giocare che puoi dire qualsiasi cosa perché se no si abolisce qualsiasi forma di ironia, sarcasmo… ma un conto è metterci violenza in queste parole e dare un connotato che può essere utilizzato da chi non è capace di capire le differenze e incitare l’odio quelle persone più fragili, che sono più facili da indurre all’odio perché la passione a cui molta gente appartiene volentieri”.