Cliente rifiuta di farsi servire da commesso di colore: “È nero, ha il Coronavirus”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:24

Cliente rifiuta di farsi servire da commesso di colore: “È nero, ha il Coronavirus”. E il titolare della pizzeria la caccia

Cliente rifiuta di farsi servire da commesso di colore: “È nero, ha il Coronavirus”

La cliente di una pizzeria si è rifiutata di mangiare la pizza perché la serviva un commesso bengalese e il titolare l’ha mandata via dal locale. È successo a Sant’Anastasia (Napoli), nella pizzeria il cui titolare è Giuseppe Granata, il quale ha poi raccontato l’accaduto sui social.

L’uomo ha detto che la signora in questione, era entrata nel locale e aveva chiesto due tranci di pizza. L’aveva servita Polash, commesso bengalese che vive e lavora regolarmente nel nostro Paese da 7 anni. Alla vista del commesso, la donna ha commentato in modo razzista:”Ah ma è nero”. Il titolare ha raccontato ancora:”Ho finto di non sentire, poi l’ha detto a me direttamente, per farsi sentire, le ho risposto chiedendo dove fosse il problema, inizialmente giuro, credevo si riferisse al colore del cornicione della pizza un pò più cotta, lei mi ha detto che hanno il Coronavirus, che è straniero“.

Leggi anche:—>Coronavirus, morto in carcere detenuto positivo di 84 anni

Leggi anche:—>Arrestato il cantante del gruppo ‘Assalti Frontali’, 6 chili di droga

Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Granata non ha di certo gradito l’offesa al suo dipendente e ha detto di aver spiegato che l’uomo vive in Italia da parecchio tempo con regolare permesso e si igienizza sempre le mani, seguendo tutte le misure di sicurezza anti-Coronavirus. “Poi”, prosegue Granata, “ho aggiunto che vive a Capodivilla, la signora ha detto che li c’è un focolaio, che “di loro” ce ne sono tanti“. A quel punto il titolare racconta sui social anche l’epilogo della vicenda: “L’ho invitata a uscire, ad assistere incredula una cliente, anch’essa di colore. P.s. Le due marinare le abbiamo mangiate io e Polash, alla faccia sua aggiungerei“.