Parigi, scontri e tafferugli durante la manifestazione contro la “sicurezza globale”

Si è svolta in queste ore, a Parigi, la Marcia per le libertà: in piazza sono scesi in 40mila, e non sono mancate le infiltrazioni di membri radicali. Scontri e tafferuggli con la polizia, 37 gli agenti feriti.

 Parigi, scontri durante la manifestazione - foto via Le Parisien

Parigi, scontri durante la manifestazione – foto via Le Parisien

Si è svolta oggi, la manifestazione a Parigi contro la legge sulla sicurezza globale: tra una grandissima affluenza e scontri con la polizia, questo sabato 28 novembre si è tinto di forte tensione nella capitale francese. La Marcia per le libertà è arrivata da Place de la République alla Bastiglia. Ma è stato a margine di questa dimostrazione che un gruppo di giovani ha acceso gli animi dando vita a tafferugli. Oltre ad aver bloccato il corteo, il gruppo ha danneggiato alcuni negozi, dato alle fiamme alcuni cassonetti e qualche veicolo, lanciato sassi e bottiglie contro i poliziotti – che hanno risposto, invece, con i lacrimogeni.

Manifestanti contro la legge sulla “sicurezza globale”

Come viene riportato dalla stampa locale, sono una decina i cortei che sono stati organizzati per la giornata di oggi in tutta la Francia. Le manifestazioni hanno visto come palcosenico, oltre che Parigi, anche Strasburgo, Marsiglia, Lione, Bordeaux e Rennes, e hanno coinvolto in totale ben 70 città. A mettere in marcia i dimostranti è stata la legge attualmente in discussione in Parlamento, e che riguarda il tema della “sicurezza globale”. Secondo i manifestanti, si tratterebbe di un provvedimento “liberticida”.

 Parigi, scontri durante la manifestazione - foto via Le Parisien

Parigi, scontri durante la manifestazione – foto via Le Parisien

Ma ad infervorare gli animi, in questi giorni, non è soltanto l’articolo 24 della legge, che vieta la pubblicazione di foto e video di agenti di polizia in servizio: la Francia ha fatto infatti da sfondo anche a sgomberi forzati – e violenti – di migranti, così come anche al brutale pestaggio perpetrato nei confronti di Michel Zecler, produttore di origini africane che aggredito da una squadra di poliziotti nel suo studio di registrazione.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE


Parigi, auto incendiate e poliziotti feriti

La manifestazione parigina ha contato la numerosa partecipazione di 40mila dimostranti, e non sono mancate le infiltrazioni di esponenti radicali come i gilet gialli e i black-bloc. Durante gli scontri con gli agenti di polizia, intervenuti per arginare la confusione provocata da un gruppo di manifestanti, sono stati danneggiati alcuni negozi, dati in fiamme alcuni cassonetti e lanciati sassi e bottiglie contro i poliziotti. Le forze dell’ordine hanno risposto con un lancio di lacrimogeni.


Clicca qui e poi premi la stellina (Segui) per ricevere tantissime novità gratis da MeteoWeek

Si contano, però, diversi feriti tra gli agenti: sarebbero infatti 37 i poliziotti che hanno riportato lestioni nelle varie città francesi. A renderlo noto è stato il ministro degli Interni, Gerard Darmarin; ma, ha anche sottolineato, si tratta di un bilancio ancora provvisorio. “Condanno ancora una volta le inaccettabili violenze perpetrate contro le forze di polizia”, ha dichiarato il ministro Darmarin. Sarebbero invece nove i manifestanti violenti fermati dalla polizia.