Margaret Qualley | un’attrice in carriera dal film con Tarantino alla Berlinale

La folgorante carriera della giovanissima Margaret Qualley l’ha condotta fino alla Berlinale, partita ufficialmente giovedì scorso. La giovane attrice è infatti protagonista del film My Salinger Year, che ha ufficialmente aperto la kermesse cinematografica.

Ispirato all’omonimo romanzo autobiografico di Joanna Rakoff, My Salinger Year racconta le vicissitudini dell’autrice, interpretata proprio da Margaret Qualley, quando da giovanissima, subito dopo la laurea, si trovò a lavorare come segretaria per una famosa agente letteraria che aveva fra i clienti anche J. D. Salinger, il leggendario scrittore statunitense divenuto celebre per opere immortali come Il giovane Holden, romanzo di formazione divenuto un vero e proprio classico della letteratura americana.

Leggi anche: Margaret Qualley | la giovane star nel nuovo horror di Scott Cooper

Margaret Qualley alla Berlinale

In conferenza stampa a Berlino, Margaret Qualley ha espresso tutta la sua gratitudine per aver potuto recitare al fianco di un monumento della cinematografia mondiale come Sigourney Weaver, che nel film interpreta la sua datrice di lavoro. Ma non tutti sanno che la giovane Qualley è in realtà figlia d’arte. La ragazza, nata in Montana nel 1994, è infatti figlia dell’attrice Andie MacDowell, famosa per aver recitato nell’acclamato film Sesso, bugie e videotape diretto da Steven Soderbergh e in Quattro matrimoni e un funerale. Con l’interpretazione della casalinga insoddisfatta nel film di Soderbergh, la madre di  Margaret Qualley si smarcò dai dimenticabili esordi e cominciò una brillante carriera cinematografica. Suo padre è invece il modello Paul Qualley, separatosi dalla MacDowell nel 1999. Margaret è cresciuta in un ranch a Missoula prima di trasferirsi ad Asheville, nella Carolina del Nord. Ha studiato danza presso il prestigioso American Ballet Theatre e ha frequentato l’Accademia Francese di New York. Ma è all’età di 17 anni che decise di cambiare i suoi progetti per il futuro e focalizzare il suo interesse per la recitazione, studiando alla Royal Academy of Dramatic Art di Londra.

Il ruolo per Tarantino

Recentemente Margaret Qualley è diventata un volto familiare anche per il grande pubblico grazie al suo ruolo nell’ultimo film di Quentin Tarantino. In C’era una volta ad Hollywood, infatti, la giovane attrice interpreta l’hippy che ammalia Brad Pitt, tanto da convincerlo ad accompagnarla nella comune in cui abita con altre persone che seguono il suo stesso stile di vita e che si rivelerà essere collegata direttamente alla pericolosa setta di Charles Manson. Il suo primo ruolo cinematografico risale però al 2013 in Palo Alto di Gia Coppola, prima di prendere parte nel 2014 alla serie televisiva HBO The Leftovers – Svaniti nel nulla, creata da Damon Lindelof (lo stesso della nuova serie di Watchmen) e Tom Perrotta. L’attrice, oggi 25enne, è anche apparsa nel 2016 nel divertente buddy movie The Nice Guys con Russell Crowe, Ryan Gosling e Kim Basinger.

Leggi anche: Berlinale 2020 | ecco quali sono i film più attesi del festival

Il suo volto in un videogioco

A dimostrazione della sua voglia di sperimentare e provare cose sempre nuove, Margaret Qualley ha recentemente prestato il suo volto per il videogioco Death Stranding, ideato dal geniale creatore della saga videoludica di Metal Gear Solid. Basta scorrere le voci del cast, fra cui figurano nomi come Norman Reedus, Guillermo Del Toro e Mads Mikkelsen, per rendersi conto del taglio “cinematografico” del gioco. Non a caso, infatti, il creatore Hideo Kojima ha ricevuto il plauso di Luca Guadagino, regista di Chiamami col tuo nome e grande fan dello sviluppatore giapponese.