Caso Roberta Ragusa, Logli si sposa con l’amante Sara Calzolaio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:16

Antonio Logli in carcere sposerà l’amante Sara Calzolaio, la donna per cui, secondo l’accusa avrebbe ucciso l’ex moglie Roberta Ragusa.

Il cadavere di Roberta Ragusa non venne mai ritrovato – meteoweek

20 anni di condanna, una vita da trascorrere in carcere, nessuna speranza, nessuna certezza; eppure Antonio Logli sarebbe pronto per sposarsi e, secondo, notizie trapelate dal carcere lo farà con Sara Calzolaio. La donna è tristemente nota per essere, secondo l’accusa, il movente dell’omicidio di Roberta Ragusa. Era la notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012, quando la mamma di 44 anni è sparita nel nulla senza lasciare traccia. L’immagine di quel volto con gli occhi di ghiaccio entra nelle case di tutta l’Italia. Gli inquirenti cercano ovunque la donna che secondo la prima versione del marito, Antonio Logli, si è allontanata da casa volontariamente indossando il suo pigiama rosa. Le ricerche partono immediatamente ma la donna non verrà mai ritrovata. Per gli inquirenti ad ucciderla sarebbe stato l’uomo che diceva di amarla ma che in realtà aveva da tempo una relazione con una donna che lavorava nell’autoscuola di famiglia.

Leggi anche –> Caso Ragusa, la figlia scagiona il padre Logli: “Ci sono le prove”

Leggi anche –> Antonio Logli dice che Roberta Ragusa è in Liguria, e ci sono i testimoni

Leggi anche –> Roberta Ragusa è viva, ma solo per l’anagrafe. Beni bloccati per i figli

Le prove contro Antonio Logli

A inchiodare Logli sono, oltre alle prove della sua infedeltà coniugale, anche un testimone, che lo colloca fuori di casa in piena notte mentre litiga con Roberta. A rafforzare la veridicità delle parole di Loris Gozi si aggiunge il comportamento di Antonio: a un anno dalla scomparsa di Roberta, giornali e in Tv parlano di un possibile testimone, di cui non è dato il nome. Non viene neppure rivelato il luogo in cui il testimone lo avrebbe notato. Eppure Logli, con un collaboratore, si reca nel punto incriminato per verificare se al buio e a una certa distanza qualcuno avrebbe potuto riconoscerlo, seduto dentro l’auto. Gli spostamenti di Logli e le conversazioni con il collaboratore sono stati registrati dal gps e dalla microspia che gli investigatori avevano nascosto nell’auto. Infine si viene a conoscenza di lettere scritte da Roberta (tramite la trasmissione “Chi l’ha visto?”) in cui la donna manifesta il suo malessere nei confronti di un marito che la ignora come donna e si evidenzia una situazione tragica e al limite poiché la donna tenta di salvare un rapporto che il marito ignora. Oggi lui sarebbe in procinto di portare all’altare un’altra donna.

Leggi anche –> Roberta Ragusa, Antonio Logli ha una carta che potrebbe ribaltare tutto

Leggi anche –> Omicidio Ragusa, le mosse di Antonio Logli: arriva la criminologa

Il matrimonio tra Antonio Logli e Sara Calzolaio

La richiesta sarebbe arrivata direttamente in carcere con tanto di anello, un anellino di plastica che ferma i tappi delle bottiglie. L’annuncio, in esclusiva, è del settimanale «Giallo». L’ingresso in cella e poi il lockdown che ha fermato le visite, hanno solo ritardato l’inevitabile. Il loro amore ha superato tantissimi ostacoli e oggi arriva ad un coronamento, riconosciuti anche dai figli di lui che non hanno mai creduto alla colpevolezza del padre. Sara e Antonio, riferisce «La Nazione» in un ampio articolo, si erano conosciuti nel 2004. Si sono amati per otto anni all’insaputa di Roberta. Il segreto, infatti, sarà svelato solo quando comincia il mistero e Roberta sparisce per sempre da San Giuliano Terme, in provincia di Pisa. Oggi Sara ha preso ufficialmente il suo posto. Logli e la Calzolaio vogliono sposarsi e vorrebbero farlo anche con rito religioso, oltre che civile: i due hanno infatti abbracciato la dottrina evangelica e iniziato il cammino per il battesimo. Il progetto dei fiori d’arancio, scrive ancora «La Nazione», è confermato da Anna Vagli, la criminologa del team difensivo di Logli guidato dall’avvocato Simone Ciro Giordano di Milano e completato, pochi giorni fa, con l’investigatore lucchese Davide Cannella.