Categorie
Calcio Internazionale Sport

Europei di calcio 2021: esclusa la formula itinerante, ecco le ipotesi

Mancano soltanto sei mesi all’inizio degli Europei di calcio 2021 ma, gli sviluppi della pandemia, preoccupano i vertici della Uefa.

Uefa Draw

Doveva essere il primo torneo itinerante da tenersi in ben dodici paesi differenti, invece, dopo il rinvio di un anno, l’ipotesi di coinvolgere l’intero Vecchio Continente è ormai tramontata.

Europei, le ipotesi allo studio

Si cerca una soluzione alternativa e oggi quella più accreditata è far svolgere la competizione calcistica all’interno di una “bolla”: si va dal Regno Unito alla Russia fino all’Italia. Sono queste le sedi al vaglio ma potrebbero essere avanzate ulteriori ipotesi molto presto.

La decisione

Non arriverà prima del 5 Marzo la decisione su come e dove far disputare l’Europeo 2021. Successivamente bisognerà aspettare per capire se gli stadi potranno essere riaperti in toto o solo in parte o se la manifestazione si dovrà disputare a porte chiuse.

In ogni caso la Uefa lamenta ingenti perdite economiche che potrebbero incidere sull’intero sistema calcio internazionale.

Categorie
Calcio Internazionale Sport

Ligue 1, 21esima giornata: nessuna sorpresa in testa

Il terzetto di testa in Ligue 1 vince e prosegue la corsa. Poker del Paris Saint Germain, cinquina del Lione a Saint Etienne. Il Lille vince di misura sul campo del Rennes.

psg ligue 1 meteoweek
L’abbraccio tra Icardi e Mbappè – meteoweek.com (Photo by FRANCK FIFE/AFP via Getty Images)

Seconda giornata del girone di ritorno in Ligue 1, e nessuna sorpresa almeno per quanto riguarda le gare per le squadre di testa. Il Paris Saint Germain e il Lille proseguono la propria corsa a braccetto al comando della classifica, con il Lione che mantiene la distanza di sicurezza con un’altra serata particolare. Tanti gol e pochi patemi d’animo per le tre squadre che comandano un campionato mai così equilibrato negli ultimi anni. Tre squadre in tre punti per una lotta che potrebbe durare fino al termine della stagione.

Andiamo con ordine. Il Paris Saint Germain ha aperto questa 21esima giornata di Ligue 1 con un netto 4-0 ai danni del Saint Etienne. La formazione campione in carica sa solo vincere da quando Mauricio Pochettino ha preso il posto dell’esonerato Thomas Tuchel. Doppietta del solito Mbappè, che torna in test alla classifica dei cannonieri, poi i sigilli di Icardi e Neymar per completare la festa. E soprattutto un ruolino di marcia più degno della caratura di una squadra apparsa un po’ troppo in difficoltà nel finale del 2020.

Il Lille non perde il contatto con la vetta grazie alla quarta vittoria nelle ultime cinque partite. Per vincere sul campo del Rennes ci vuole una rete del solito David dopo un quarto d’ora. Ma ancora una volta stupisce la solidità in fase difensiva della squadra guidata da Gaultier. Ma se il Psg ha chiuso il programma di giornata, ci ha pensato il Lione a chiuderlo. I ragazzi di Rudi Garcia passeggiano sul campo del Saint Etienne. Uno 0-5 che non ammette repliche e lancia Kadewere e Marcelo, autori di una doppietta a testa. Il sigillo finale è del solito Depay.

Leggi anche -> Napoli, ora è ufficiale: Milik è un nuovo calciatore del Marsiglia

Quarto posto sempre più consolidato dal Monaco, che vince una partita molto difficile in casa contro il Marsiglia. Al Louis II arriva la quarta vittoria consecutiva per la squadra del Principato, che reagisce all’iniziale vantaggio ospite firmato da Radonjic. Gol decisivi di Maripan, Tchouameni e Jovetic in pieno recupero. In ogni caso, André Villas Boas attende l’inserimento del nuovo arrivato Milik. L’OM, però, viene agganciato al sesto posto dal Bordeaux, che supera di slancio l’Angers grazie a una doppietta nei primi minuti di Hwang.

Ligue 1 – 21esima giornata

Paris Saint Germain – Montpellier 4-0
Lens – Nizza 0-1
Monaco – Marsiglia 3-1
Bordeaux – Angers 2-1
Dijon – Strasburgo 1-1
Metz – Nantes 2-0
Nimes – Lorient rinviata
Reims – Brest 1-0
Rennes – Lilla 0-1
Saint Etienne – Lione 0-5

Classifica

Paris Saint Germain 45
Lille 45
Lione 43
Monaco 39
Rennes 36
Marsiglia 32
Bordeaux 32
Metz 31
Lens 31
Angers 30
Montpellier 28
Nizza 26
Brest 26
Reims 24
Strasburgo 24
Saint Etienne 19
Nantes 18
Dijon 15
Nimes 15
Lorient 12

Categorie
Calcio Internazionale Sport

Bundesliga, 18esima giornata: il Bayern tenta la fuga

Il girone di ritorno in Bundesliga si apre con l’allungo dei bavaresi che abbattono lo Schalke 04. Il Lipsia perde a Magonza, il Bayer Leverkusen cade in casa con il Wolfsburg che lo aggancia. Vola l’Eintracht Francoforte.

bundesliga
Il Bayern festeggia un’altra vittoria – meteoweek.com (Photo by INA FASSBENDER/AFP via Getty Images)

La Bundesliga sembra vivere su una dimensione che si è già vista negli anni passati. Il Bayern Monaco, nella prima giornata del girone di ritorno, fa il colpo grosso e piazza un allungo che potrebbe rivelarsi decisivo per i destini del campionato. La formazione campione in carica, nell’ultima gara di giornata, vince in scioltezza a Gelsenkirchen contro lo Schalke 04 e riesce anche a confezionare un primo strappo nella lotta di vertice. Tutto facile per gli uomini di mister Flick: doppietta di Muller, gol di Lewandowski e Alaba per un poker servito.

La fuga del Bayern prende forma perchè le immediate inseguitrici continuano a perdere terreno. Prosegue il momento negativo del Lipsia, che perde per la seconda volta nelle ultime quattro giornate. Questa volta il colpaccio viene confezionato dal Mainz, che ottiene tre punti pesanti in chiave salvezza. E a tre punti dalla seconda piazza c’è la strana coppia composta da Bayer Leverkusen e Wolfsburg. Questi ultimi piazzano la zampata proprio ai danni delle ‘aspirine’, con una vittoria a domicilio ottenuta grazie al gol di Baku nel primo tempo.

Classifica cortisima dalla terza posizione in giù, con la risalita di Borussia Moenchengladbach ed Eintracht Francoforte. La compagine guidata da Rose apre la giornata di Bundesliga con una grande vittoria ai danni del Borussia Dortmund. Il solo Haaland non basta ai gialloneri, visto che dall’altra parte ci pensano Thuram, Bensebaini ed Elvedi con una insolita doppietta a fare il colpo grosso. L’Eintracht continua il suo momento magico e travolge a domicilio l’Arminia Bielefeld. Ancora grande protagonista André Silva con una doppietta, Jovic ancora una volta protagonista con un gol in uscita dalla panchina..

Leggi anche -> Bayern Monaco, Rummenigge ha già pronto il rimpiazzo di Alaba

E in una lotta per l’Europa sempre più fitta perde terreno l’Union Berlino, al secondo ko di fila. La squadra della capitale perde contro il pericolante Augsburg e non sfrutta una grande occasione per tuffarsi nella lotta per la Champions. Risale la china all’improvviso anche il Friburgo, che con il successo di misura sullo Stoccarda inizia a vedere le prime posizioni: l’Europa che conta per i bianconeri dista appena quattro punti.

Bundesliga – 18esima giornata

Borussia Moenchengladbach – Borussia Dortmund 4-2
Mainz – Lipsia 3-2
Bayer Leverkusen – Wolfsburg 0-1
Friburgo – Stoccarda 2-1
Arminia Bielefeld – Eintracht Francoforte 1-5
Augsburg – Union Berlino 2-1
Hertha Berlino – Werder Brema 1-4
Hoffenheim – Colonia 3-0
Schalke 04 – Bayern Monaco 0-4

Classifica

Bayern Monaco 42
Lipsia 35
Bayer Leverkusen 32
Wolfsburg 32
Borussia Moenchengladbach 31
Eintracht Francoforte 30
Borussia Dortmund 29
Union Berlino 28
Friburgo 27
Stoccarda 22
Hoffenheim 22
Augsburg 22
Werder Brema 21
Hertha Berlino 17
Arminia Bielefeld 17
Colonia 15
Mainz 10
Schalke 04 7

Categorie
Calcio Internazionale Sport

L’incredibile iniziativa del presidente del Fenerbahçe per pagare Ozil

Ha dell’incredibile l’iniziativa del presidente del Fenerbahçe per pagare lo stipendio a Mesut Ozil: ha organizzato una colleta con i tifosi. Ecco i dettagli.

Mesut Ozil in allenamento col Fenerbahçe
Mesut Ozil in allenamento col Fenerbahçe (credi: profilo Twitter ufficiale del club)

Il trasferimento di Mesut Ozil al Fenerbahçe è sulla bocca di tutti gli appassionati di calcio. Il trequartista tedesco, ma di origine turche, è stato ingaggiato dalla sua squadra del cuore dopo aver detto addio all’Arsenal. Ad alimentare le voci riguardanti questa operazione, però, è anche il presidente del club turco, che, per pagare l’ingaggio al calciatore, ha dato il via ad un’iniziativa con i tifosi.

L’idea di Ali Koç per pagare l’ingaggio di Ozil al Fenerbahçe

Secondo quanto riportato dal giornalista di Sky Sport Gianluca Di Marzio, il presidente del Fenerbahçe Ali Koç ha pensato ad un’idea alternativa per pagare l’ingaggio di Ozil. Il calciatore percepisce £13 milioni l’anno e, per dare una mano al club, i tifosi potranno partecipare ad una colletta tramite SMS donando €2. Un’idea fuori dal comune, originale e rivoluzionaria per permettere all’ex Arsenal di ricevere lo stipendio. Ali Koç ha dichiarato: “Abbiamo una richiesta per i nostri tifosi. Per favore, continuate a darci una mano, abbiamo bisogno anche del vostro supporto finanziario. Vi chiedo di stabilire un primato con una campagna via SMS. Trecentomila, cinquecentomila o addirittura un milione di messaggi, tutti insieme. Un supporto del genere ci aiuterebbe molto”.

La curiosa scelta del numero di maglia

Ozil non potrà vestire il suo amato 10, al momento sulle spalle di Samatta. Il fantasista ha dunque optato per il 67: è una scelta simbolica, infatti queste sono le prime due cifre del codice postale della sua città d’origine, Zonguldak. L’ex Real Madrid omaggia così le sue radici turche, ma l’anno prossimo potrebbe tornare al 10, Samatta permettendo ovviamente.

LEGGI ANCHE: Ozil al Fenerbahçe, ora è ufficiale: il comunicato del club

Categorie
Calcio Internazionale Sport

Dramma in Brasile, precipita l’aereo del Palmas: morti quattro giocatori

Incredibile tragedia in Brasile: l’aereo che trasportava la squadra brasiliana del Palmas è precipitato. Morti quattro giocatori.

Aereo Brasile
Aereo brasiliano (credit: Getty Images)

Un vero e proprio dramma: in Brasile è precipitato un aereo che trasportava alcuni giocatori di una squadra brasiliana, il Palmas. L’incidente è avvenuto poche ore fa: il club ha comunicato che a bordo erano presenti quattro giocatori e il presidente. Lucas Praxedes, Guilherme Noé, Ranule, Marcus Molinari e Lucas Meira hanno perso la loro vita. Il veicolo, oltre ai membri del Palmas, trasportava anche il pilota, identificato come “capitano Wagner“. Il Palmas si stava recando a Goiania, dove avrebbe dovuto giocare una partita contro il Vila Nova in Copa Verde.

Il Brasile piange nuovamente per una tragedia dopo il dramma vissuto nel 2016 con l’incidente della Chapecoense.

LEGGI ANCHE: Ozil al Fenerbahçe, ora è ufficiale: il comunicato del club

Categorie
Calcio Internazionale Sport

Milik dimentica il Napoli: “Marsiglia grande club, stadio fantastico”

Arkadiusz Milik ha svolto la prima intervista da calciatore del Marsiglia. Il polacco glissa sul Napoli e pensa solo alla sua nuova squadra. 

Arkadiusz Milik, attaccante del Marsiglia. Twitter ufficiale Milik
Arkadiusz Milik, attaccante del Marsiglia. Twitter ufficiale Milik

Prime parole da calciatore del Marsiglia per Arkadiusz Milik che, ai microfoni dei canali ufficiali del club, ha raccontato le sue prime emozioni nella nuova squadra glissando anche le domande sul NapoliSono molto contento di essere qui, ho ricevuto tanti messaggi da parte di tanti amici. Sono felice, questo è un momento speciale per me, non vedo l’ora di giocare. Conosco il Marsiglia, lo stadio è fantastico, ci ho già giocato in Nazionale e col Napoli. Si tratta di un grande club, con tanti giocatori forti”. 

Leggi anche: Milik saluta Napoli: “Ho pianto di dolore e di gioia. Vado via col sorriso”
Leggi anche: Calciomercato Napoli, accordo con l’Udinese per Llorente: si chiude lunedì

Il polacco ha poi parlato del primo contatto avuto con l’allenatore Villas BoasHo parlato con il mister e il direttore sportivo, mi hanno voluto davvero, li ringrazio e non vedo l’ora di conoscere i miei nuovi compagni. Ho seguito la squadra, anche se gli ultimi risultati non sono stati buoni spero di dare il mio contributo. Voglio segnare tanti gol. La Ligue 1 è un campionato difficile, il gioco è molto fisico, duro”. 

Marsiglia, Milik pensa agli Europei

Milik ha poi preferito glissare la domanda sul Napoli, rispondendo: Sto bene, ho giocato in Nazionale. Sono concentrato sul futuro e sul Marsiglia. Vogliamo conquistare la Champions League.  Gli Europei? Ci penso, ma arrivano tra sei mesi. Ora penso al Marsiglia, voglio allenarmi bene e mostrare le mie qualità per aiutare la squadra”.  

Categorie
Calcio Internazionale Sport

Newport, il portiere Tom King fa gol dalla rimessa ed entra nel Guinnes Word Record

Il portiere del Newport County Tom King, che milita nella lega di secondo livello inglese, è entrato nella storia del calcio e nel Guinnes Word Record per aver segnato un gol dalla rimessa.

Newport County, il portiere Tom King durante un'amichevole pre-campionato con l'Al-Ahly (foto di Pete Norton/Getty Images)
Newport County, il portiere Tom King durante un’amichevole pre-campionato con l’Al-Ahly (foto di Pete Norton/Getty Images)

Il portiere Tom King del Newport County è entrato del Guinnes Word Record. Al 12′ della ventitreesima giornata di Championship – la lega di secondo livello inglese – il portiere ha fatto la rimessa dal fondo, dopo che Chris Hussey del Cheltenham Town aveva provato a concludere con il destro. La sua rimessa è entrata nella storia: il suo tiro di destro da oltre 96 metri è finito direttamente dentro la porta avversaria.

Il risultato ha contribuito al risultato finale dell’incontro fra il Newport County e il Cheltenam, che è finito 1-1. A dare la notizia del gol del portiere entrato nel Guinnes Word Record è stato proprio il Newport County, dopo che le immagini dell’incredibile punto sono diventate virali su tutti i social media, soprattutto fra i tifosi inglesi.

Il premio per il record è stato assegnato per il gol più lungo mai segnato nella storia del calcio. Tom King avrebbe commentato sui suoi profili social media: “Questo è un messaggio che non avrei mai pensato di dover scrivere. Sono felicissimo del mio primo gol in campionato e nella mia carriera. Mi spiace che non siamo riusciti a portare a casa i 3 punti della vittoria. Adesso pensiamo a sabato (la prossima partita con l’Oldham del 23 gennaio, ndr)”.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Tom King (@tomlking)


Leggi anche:

Il fatto curioso è che il portiere Tom King sembrerebbe non essersi neanche reso conto subito dell’impresa realizzata: quando il pallone è entrato nella rete avversaria, non ha neanche celebrato il gol, come di solito usano fare tutti i calciatori. Sicuramente, dopo questa impresa, il Newport County vorrà rinnovare il contratto al calciatore, in scadenza a giugno 2021.

Categorie
Calcio Internazionale Sport

Calcio in subbuglio, polemiche roventi per la SuperLega

Calcio in subbuglio per la paventata nascita della SuperLega, una competizione che includerebbe tutti i maggiori club europei che darebbero vita ad un campionato proprio.

La Champions League alzata in cielo

A svelare i segreti del progetto allo studio è stato il Times.

Real Madrid, Manchester United e Liverpool sarebbero le forze trainanti dell’iniziativa. La competizione prevedrebbe 2 gironi da 10 squadre con play off e finali e soprattutto lauti compensi a tutti i club partecipanti.

Le italiane sicure di poter prendere posto nella nuova lega sarebbero Milan, Inter e Juventus.

Dettagli che hanno fatto scatenare l’ira delle istituzioni calcistiche.

Superlega, la posizione della FIFA

“Chi gioca la Super Lega europea è fuori da tutto il calcio internazionali”. La Fifa, con le sei confederazioni continentali, va all’attacco del progetto di un campionato dei campionati europeo. E minaccia chiunque vi partecipi: “Quando e se nascerà: che sia club o giocatore, non sarebbe autorizzato a partecipare a nessuna competizione organizzata dalla Fifa o dalla rispettiva confederazione. Sarebbe dunque fuori da Champions, Europei, Mondiali, Coppa America, o competizioni simili”.

La posizione della Lega A

“Sapete che per noi la Superlega non esiste, riteniamo ci siano competizioni come la Champions ed Europa League a cui si possono fare delle modifiche. Ma la Superlega non la immaginiamo neanche, siamo totalmente contrari”. Lo ha detto Paolo Dal Pino, presidente della Lega Serie A, al termine dell’assemblea dei club.

Categorie
Calcio Internazionale Sport

Manchester United, Maguire: “Pogba si trova bene qui, vuole rimanere”

Il capitano del Manchester United Harry Maguire ha raccontato che Pogba ha recuperato finalmente la piena forma fisica. Il centrocampista francese sarebbe tornato ad essere fondamentale per la squadra e non vorrebbe più andare via.

Manchester United, da sinistra: il capitano e difensore Harry Maguire ed il centrocampista Paul Pogba durante la partita di Premier League con il Manchester City (foto di Michael Regan/Getty Images)
Manchester United, da sinistra: il capitano e difensore Harry Maguire ed il centrocampista Paul Pogba durante la partita di Premier League con il Manchester City (foto di Michael Regan/Getty Images)

Dopo la combattuta vittoria con il Fulham in Premier League, il Manchester United è finalmente tornato dopo anni a primeggiare solitario nella vetta della classifica. Sono stati decisivi per il risultato della partita le reti di Cavani al 21′ e soprattutto quella della vittoria di Pogba al 65′, che ha recuperato da solo il pallone e lo ha accompagnato nell’angolino in basso della porta con il suo sinistro.

Il capitano della squadra Harry Maguire ha solo complimenti per il compagno di squadra che ha decretato la vittoria. Ecco il suo commento su MUTV, la televisione ufficiale della squadra: “Paul non ha un piede debole. Nell’ultimo mese o giù di lì, sta iniziando a recuperare la sua forma fisica. Si è impegnato tanto in allenamento, ed il fatto che adesso lui sia di nuovo al 100% e stia facendo quello che sta facendo in questo momento è fantastico per noi“.


Leggi anche:

Poi ha continuato: “Pogba è una parte importante dello spogliatoio, è un grande giocatore per noi. Sappiamo che può produrre momenti di brillantezza. Di sicuro, spero che continui e sono sicuro che lo farà”. Il centrocampista francese ha attraversato diversi problemi fisici nelle ultime settimane: oltre ai soliti problemi alla caviglia, ha raccontato di non riuscire più a correre e avere mancanza di fiato dopo essere guarito dal Covid.

Il suo agente Mino Raiola aveva anche raccontato che Pogba sarebbe ormai in uscita dal Manchester United, e che il club inglese dovrebbe darsi da fare a venderlo se vuole incassare qualcosa dalla sua uscita. Di diverso avviso sarebbe Sky Sport UK, che avrebbe rivelato che i Red Devils non avrebbero ancora proposto alcun rinnovo al giocatore.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Paul Labile Pogba (@paulpogba)

Categorie
Calcio Internazionale Sport

Liga, 19a giornata: l’Atletico Madrid vince in rimonta. Risultati e classifica

La 19esima giornata di Liga è andata in scena nell’infrasettimanale. La capolista Atletico Madrid ha battuto l’Eibar in rimonta, mentre Real Madrid e Barcellona non sono scese in campo in virtù dei rispettivi impegni in Copa del Rey. Le loro gare del turno erano già state giocate in anticipo.

eibar atletico madrid liga meteoweek
L’Atletico Madrid impegnato in casa dell’Eibar (Photo by Juan Manuel Serrano Arce/Getty Images)

La diciannovesima giornata del campionato di Liga non ha riservato grandi sorprese, soprattutto in virtù della mancata discesa in campo di squadre di calibro come Real Madrid Barcellona. Le due compagini, dato che in questa settimana avevano in calendario i rispettivi impegni in Copa del Rey, hanno giocato il suddetto turno a dicembre. I risultati delle contendenti al titolo erano già dunque noti da tempo. I Blancos avevano battuto l’Atletico Bilbao, mentre i blaugrana la Real Sociedad. Bottino pieno, dunque, per entrambe.

Leggi anche -> Real Madrid, Zidane a rischio esonero? Bufera dopo ko in Coppa del Re

A giocare regolarmente nel turno infrasettimanale, invece, è stato l’Atletico Madrid. Gli uomini di Diego Simeone hanno sconfitto l’Eibar, squadra di medio-bassa classifica, con qualche difficoltà. I Colchoneros erano infatti andati in svantaggio al 12’ a fronte di un calcio di rigore concesso agli avversari. Sul dischetto, come difficilmente si vede, si è presentato il portiere Dmitrovic, che non ha errato. Un gol che sostanzialmente entra nella storia. Oltre ad essere il primo per il giocatore, infatti, in Liga non accadeva da dieci anni che un estremo difensore andasse a segno. Ad ogni modo, il penalty non è stato sufficiente ai padroni di casa per conquistare una clamorosa vittoria contro la capolista. La squadra ospite, infatti, ha ribaltato il risultato con una doppietta di Suarez. La rete dell’1-2 è arrivata all’89’, anch’essa su calcio di rigore. Il fallo da cui è scaturito, tuttavia, è abbastanza dubbio.

Tra le contendenti ad un posto in Champions League ha vinto il Siviglia, impegnato in casa dell’Alaves, salendo in questo modo a quota 33 a parità del Villareal, che invece ha ottenuto soltanto un pareggio tra le mura amiche contro il Granada.

Leggi anche -> Calciomercato Real Madrid: lo scontento Odegaard conteso da tre squadre

I risultati

MARTEDI’ 15 DICEMBRE

Real Madrid — Athletic Bilbao: 3-1 [45′ Kroos (R), 52′ Capa (A), 74′, 92′ Benzema (R)]

Barcellona — Real Sociedad: 2-1 [27′ Willian Josè (R), 31′ Jordi Alba (B), 43′ de Jong (B)]

MARTEDI’ 19 GENNAIO

Valladolid — Elche: 2-2 [9′, 43′ Josan (E), 71′ Michel (V), 89′ Fernandez (V)]

Cadice — Levante: 2-2 [4′ Perea (C), 8′, 11′ Roger (L), 28′ Cala (C)]

Alaves — Siviglia: 1-2 [3′ En Nesyri (S), 12′ Mendez (A), 30′ Suso (S)]

MERCOLEDI’ 20 GENNAIO

Getafe — Huesca: 1-0 [69′ Arambarri]

Betis Siviglia — Celta Vigo: 2-1 [15′ Mina (C), 25′, 44′ Canales (B)]

Villarreal — Granada: 2-2 [21′ Soldado (G), 29′ Pena (V), 65′ rig.Gomez (V), 75′ Kenedy (G)]

GIOVEDI’ 21 GENNAIO

Valencia — Osasuna: 1-1 [42′ Calleri (O), 69′ aut.Garcia (V)]

Eibar — Atletico Madrid: 1-2 [12′ rig.Dimitrovic (E), 40′ Suarez (A), 89′ rig. Suarez (A)]

La classifica di Liga

Atletico Madrid 44
Real Madrid 37
Barcellona 34
Villarreal 33
Siviglia 33
Real Sociedad 30
Granada 28
Betis Siviglia 26
Cadice 24
Getafe 23
Celta Vigo 23
Levante 22
Athletic Bilbao 21
Valencia 20
Eibar 19
Valladolid 19
Alaves 18
Elche 17
Osasuna 16
Huesca 12

Categorie
Calcio Internazionale Sport

Real Madrid, Zidane a rischio esonero? Bufera dopo ko in Coppa del Re

Il Real Madrid è stato eliminato dalla Coppa del Re ai sedicesimi. A battere i Blancos una squadra di terza divisione. Il ko potrebbe essere la goccia che farà traboccare il vaso nei confronti del tecnico Zinedine Zidane.

zidane
Zinedine Zidane, allenatore del Real Madrid (Photo/Getty Images)

Il Real Madrid è stato battuto ieri sera in Coppa del Re dall’Alcoyano, squadra che milita nella terza divisione del campionato spagnolo. Un ko clamoroso, arrivato al termine dei supplementari e con la squadra avversaria in dieci a causa del doppio giallo di Lopez. Nonostante l’inferiorità numerica, tuttavia, gli uomini di Vicente Parras sono riusciti a conquistare il gol della vittoria, firmato da Casanova al 115’, e volare agli ottavi di finale della competizione a discapito dei Blancos. Per Zinedine Zidane si tratta del secondo obiettivo stagionale sfumato in pochi giorni — dopo la sconfitta in Supercoppa di Spagna contro l’Atletico Bilbao, e adesso le voci relative ad un possibile esonero si fanno sempre più fitte.

Leggi anche -> Rivaldo: “Koeman sta facendo bene con i giovani, Zidane invece…”

Le voci sull’esonero di Zidane

Zinedine Zidane, a seguito dell’umiliazione in Coppa del Re, in base a quanto rivela l’edizione odierna di As, sarebbe stato messo in discussione dalla società. Il tecnico del Real Madrid, al termine della gara, aveva in qualche modo minimizzato la sconfitta, seppure assumendosene le colpe. D’altronde è ormai da un gran numero di anni che i Blancos non arrivano fino in fondo alla competizione, ma uscire così prematuramente e contro una squadra dal calibro talmente ridotto non era mai accaduto.

Sinceramente sono cose che possono accadere nel calcio. Non penso sia una vergogna o un peccato. Il calcio è così. Dovevamo vincere, sì, ma può succedere accada il contrario. Noi continueremo a lavorare cercando di tirar fuori il meglio. È un altro giorno doloroso perché non ci piace perdere. Mai, vogliono vincere, ma non impazziremo per non esserci riusciti. Ci abbiamo provato e abbiamo dato tutto in campo. Ma vabbè. Ora è un momento difficile perché siamo fuori dalla Coppa”, ha detto l’allenatore in conferenza stampa. Poi ha proseguito: “La responsabilità è mia. I giocatori ci hanno provato, se facciamo il secondo gol è un’altra partita. Il loro portiere ha fatto due o tre parate e la palla non è entrata. Ripeto, io ho la responsabilità, me la prendo ma sono tranquillo su questo. Quando siamo in campo i giocatori vogliono vincere, ma a volte accadono cose diverse, dobbiamo accettarlo. Vedremo cosa succederà in questi giorni…”.

Leggi anche -> Bayern Monaco o Real Madrid: Alaba ha scelto il suo futuro

Zinedine Zidane stesso, dunque, probabilmente sa di stare giocando con il fuoco. La doppia delusione, infatti, non è andata giù alla società ed il suo futuro potrebbe essere a rischio, nonostante in campionato la squadra si trovi al secondo posto della classifica e punti al titolo. Non è, ad ogni modo, la prima volta che l’allenatore si trova ai ferri corti con i Blancos e, successivamente, le acque tornano a calmarsi. Era accaduto, ad esempio, nei mesi scorsi quando i madrileni avevano sfiorato l’eliminazione dalla Champions League agli ottavi di finale. La fortuna, tuttavia, aveva sorriso al francese e tutto si era risolto per il meglio. Soltanto il tempo potrà rivelare se questa sarà la volta dell’addio definitivo o meno.

Categorie
Calcio Internazionale Sport

Premier League: Chelsea, Lampard è a rischio esonero

Il rendimento altalenante del Chelsea di Frank Lampard ha messo in allarme la dirigenza. I Blues sono preoccupati e stanno valutando una possibile separazione dall’allenatore.

Frank Lampard Cheslea
Frank Lampard, credit Getty Images

Per ora, non sta bastando un mercato faraonico a far decollare il Chelsea di Frank Lampard. Gli arrivi di Ziyech, Werner, Havertz, Mendy, Chilwell e Thiago Silva hanno fatto sognare i tifosi dei Blues, ma per ora i risultati faticano ad arrivare. La brutta sconfitta di ieri sera contro il Leicester al King Power Stadium per 2-0 (Ndidi e Maddison a segno) hanno messo in allarme la dirigenza del club di Londra: Lampard gode della stima da parte del presidente Abramovich, ma ulteriori passi falsi non saranno tollerati. Ecco gli scenari.

LEGGI ANCHE -> Papastathopoulos rescinde con l’Arsenal: Genoa alla finestra

Il Chelsea dà fiducia a Lampard, per ora

Secondo quanto riportato da Sky Sport UK, oggi è si è tenuta una riunione tra i vertici del club per discutere del futuro di Frank Lampard. Le recenti sconfitte con Everton, Wolverhampton, Arsenal, Manchester City e Leicester hanno allarmato la dirigenza del Chelsea, ma durante l’incontro di oggi si è deciso di rinnovare la fiducia all’allenatore. Le prossime tre partite con Luton (FA Cup), Wolverhampton e Burnley saranno decisive per il futuro di Lampard a Stamford Bridge: se vorrà rimanere seduto su quella panchina, dovrà vincere e far rientrare le critiche. E l’ombra di Tuchel inizia ad avvicinarsi.

Chelsea, che tracollo

Il Chelsea, fino ad un mese fa, galleggiava fra le prime tre posizioni in classifica. Una serie di risultati negativi ha fatto scivolare i Blues all’ottavo posto, con 29 punti in 19 partite. Un tracollo difficilmente spiegabile, soprattutto date le prime convincenti prestazioni della squadra. Le difficoltà hanno avuto inizio con i problemi in area di rigore degli attaccanti di Lampard: il grande colpo estivo Timo Werner non segna da 10 partite consecutive di Premier e spesso fatica a centrare lo specchio della porta; Havertz sembra il parente lontano del giocatore ammirato in Germania con la maglia del Bayer Leverkusen. L’allenatore deve trovare la formula per far svoltare il reparto offensivo: ha provato il 4-3-3 con l’ex Lipsia largo a sinistra e Abraham punta centrale, ma le prestazioni non sono migliorate. Al Chelsea servono i gol: il potenziale c’è, ma va sbloccato.