Categorie
cucina

Sogliole al pepe verde, una ricetta di pesce light ma grintosa

La sogliola è un  alimento leggero e digeribile, ottimo in una ricetta light che ne esalta il sapore senza snaturare la bontà del pesce.

ricetta di pesce light sogliola al pepe verde
Sogliole al pepe verde

Le sogliole sono un pesce perfetto per ogni età, in ogni ricetta e inseriti in ogni dieta alimentare, anche in quella dei bambini. La sogliola infatti è un pesce leggero e digeribile con un elevato contenuto proteico,  è ricco di omega 3, che si rivelano fondamentali per tenere sotto controllo i trigliceridi e la pressione arteriosa. E’ ridotto invece il contenuto di calorie. Le sogliole sono preziose anche per l’apporto di vitamine, in particolare della vitamina B3 (niacina) e della vitamina A, nonché di sali minerali come potassio, fosforo, sodio, magnesio, calcio, ferro. Oltre a essere un cibo sano, le sogliole sono versatili in cucina e diventano ancora più gustose in una ricetta semplice ed equilibrata che ne esalta il sapore del mare.

LEGGI ANCHE >>> Ricetta sana e gustosa | Pesce spada in salsa rosata light

Ricetta di pesce, sogliola light al pepe verde

Ingredienti per 2 persone:

  • 2 filetti di sogliola
  • 1 bicchiere di panna
  • 10 g di margarina
  • 2 cucchiai di vino bianco
  • 1 cucchiaio di cipolla tritata
  • 1 cucchiaio di pepe verde conservato al naturale

Preparazione:

  1. Versate la panna in una terrina e cuocetela a fuoco vivace per 6 minuti. Toglietela da fuoco e mettete in infusione il pepe verde nella panna.
  2. In un tegame da forno versate il vino, aggiungete la margarina e la cipolla tritata, poi lasciate cuocere per un paio di minuti sul fornello con il coperchio.
  3. Dividete a metà ogni filetto nel senso della lunghezza, facendo particolare attenzione a spinarlo. Salate e pepate.
  4. Scaldate il forno a circa 150° C. Mettete i filetti sul tegame e versate sopra la panna. Coprite con il coperchio e lasciate cuocere in forno caldo per circa 15 minuti.
  5. Una volta che le sogliole sono cotte, togliete il tegame dal forno e servite i filetti sui piatti da portata subito, ancora caldi.
Categorie
cucina

Dolce al cioccolato e miele light, una ricetta golosa per il weekend

Il cioccolato è il comfort food per eccellenza ed è possibile gustarlo in una ricetta light e golosa, come nel soffice dolce al cacao amaro e miele.

cioccolato dolce ricetta light
Foto di u_4n2wc65j da Pixabay

Ingredienti:

  • 100 g di farina
  • 70 g di fecola di patate
  • 30 g di cacao amaro
  • 100 g di miele
  • 3 uova
  • 90 g di olio extravergine d’oliva
  • 1 bustina di lievito in polvere per dolci
  • Sale

Per la decorazione:

  • 2 cucchiai di miele
  • 30 g di granella di zucchero

Preparazione:

  1. Innanzitutto procuratevi una teglia da plum-cake con la capacità contenitiva di 1 litro. Ritagliate un rettangolo di carta da forno della grandezza uguale al fondo della teglia. Sempre dalla carta da forno ricavate un pezzo lungo e alto quanto il bordo della teglia. A questo punto foderate il bordo interno del recipiente con la carta da forno ritagliata. Per farla aderire bene, inumidite il bordo con un po’ di acqua fredda. Scaldate in forno a 170° C.
  2. Cominciate la preparazione del dolce. Rompete le uova separando gli albumi dai tuorli e disponeteli in due ciotole diverse. Unite agli albumi un pizzico di sale, invece ai tuorli unite il miele.
  3. Montate i tuorli con una frusta a mano per 6 minuti oppure per 3 minuti se scegliete di utilizzare quella elettrica o un robot da cucina. Montate anche gli albumi a neve ben soda.
  4. In una ciotola a parte setacciate la farina, la fecola di patate, il cacao amaro e il lievito in polvere per dolci. Adesso unite tutti questi ingredienti messi insieme ai tuorli montati, alternando con l’olio extravergine d’oliva.
  5. Aggiungete all’impasto, così ottenuto, 1 cucchiaio di albumi e mescolate. Unite poi i restanti albumi montati, sempre versandoli un poco per volta e continuando a mescolare con movimenti verticali, dal basso verso l’alto e viceversa.
  6. A questo punto l’impasto è pronto per la cottura. Versatelo in una teglia, cercando di non spostare il rivestimento di carta che avevate accuratamente disposto. Mettete la teglia nel forno già caldo e lasciate cuocere per 30 minuti.
  7. Per provare l’andamento della cottura, fate la prova infilando uno stecchino al centro del dolce. Lo stecchino dovrebbe risultare asciutto un volta estratto, in caso contrario proseguite la cottura in forno per altri 10 minuti.
  8. Una volta che il dolce è pronto, levate dal forno e lasciatelo raffreddare. Poi sformatelo su un piatto di portata ed eliminate il rivestimento di carta attorno.
  9. Per la decorazione del dolce, scaldate il miele a fuoco basso in un pentolino, senza farlo bollire. Spalmatelo sulla superficie della torta e poi cospargetela con la granella di zucchero. Il dolce al cioccolato e miele è pronto per essere servito.

LEGGI ANCHE >>> Ricetta light | Plumcake allo yogurt senza glutine fatto in casa da Benedetta Rossi

Categorie
cucina

Vellutata di sedano rapa e spinaci, la ricetta | Una coccola dell’inverno

Una vera carezza in questo gelido inverno è una vellutata calda e gustosa, come la ricetta vegetariana con sedano rapa e spinaci. Oltre alla bontà, questo piatto può vantare enormi benefici per il nostro organismo.

vellutata ricetta vegetariana
Foto di Doris Jungo da Pixabay

La vellutata di sedano rapa e spinaci è un toccasana per il nostro organismo, specialmente nel corso della stagione invernale. La ricetta, vegetariana al 100%, è nutriente e leggera. Degli spinaci sappiamo già abbastanza, ad esempio quanto facciano bene grazie alle loro proprietà. Sono un ingrediente molto presente in cucina e in tanti piatti. Anche il sedano rapa, però, è un alleato della salute, grazie al basso contenuto di calorie ma a quello elevato di acqua, da cui è costituito al 90%. E’ ricco di proteine, carboidrati e fibre, di vitamina A, vitamina B, vitamina C. Sono presenti numerosi sali minerali, come ferro, rame, selenio, fosforo e potassio, dall’azione antiossidante. Questo rende la vellutata un piatto completo e gustoso.

LEGGI ANCHE >>> Ricetta light vegetariana | Lo stufato di lenticchie per una carica di proteine

Vellutata di sedano rapa e spinaci, la ricetta vegetariana

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g di sedano rapa
  • 100 g di cipolla
  • 100 di spinaci
  • 20 g di olio extravergine d’oliva
  • 10 g di zenzero
  • Sale q.b.

Preparazione:

  1. In una pentola capiente mettete a soffriggere la cipolla tritata con un filo d’olio extravergine d’oliva e una presa di sale. Aggiungete il sedano rapa ridotto a cubetti, le foglie degli spinaci pulite e lavate, ricopri versando sopra l’acqua a filo e lasciate cuocere per circa 40 minuti a fuoco lento.
  2. Quando il sedano rapa risulterà tenero, scostate la pentola dal fuoco frullate tutto con un mixer a immersione direttamente nella pentola fino a ottenere una vellutata cremosa e omogenea.
  3. A questo punto grattugiate sopra la radice di zenzero fresca, estraetene il succo e aggiungetelo alla vellutata.
    Infine aggiusta di sale e servite calda nei piatti da portata la vellutata di sedano rapa e spinaci.
Categorie
cucina

Vellutata light di zucchine e zucca, la ricetta della salute a tavola

La vellutata è un must delle stagioni fredde, dall’autunno fino all’inverno sono tante le varianti con cui preparare questo piatto ideale. Una è la ricetta light della vellutata con zucchine e zucca, per un carino di nutrimento e benessere.

zucca light ricetta
Foto di Blandine JOANNIC da Pixabay

Le zucchine e la zucca stanno molto bene insieme, quando si abbracciano in una calda vellutata, ideale per le stagioni fredde, dando vita a una ricetta sana, gustosa, leggera.

LEGGI ANCHE >>Vellutata di cavolfiore ricetta light per combattere il freddo e ritornare in forma

Vellutata light di zucchine e zucca, la ricetta

Ingredienti per 2 persone:

  • 700 g di zucca (il peso indica la zucca già pulita e priva di buccia)
  • 3 zucchine medie
  • 2 patate medie
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.
  • Olio extravergine d’oliva
  • 1 scalogno

Preparazione:

  1. Come prima cosa, pulite la la zucca, privandola della buccia, e lavatela bene. Poi tagliatela a pezzetti piuttosto grossolani. Dopodiché disponetela in una pentola capiente per la cottura.
  2. Adesso prendete le due patate. Pulitele, privandole della buccia, lavatele e tagliatele a pezzi. Versatele nella pentola con la zucca. A questi, andate ad aggiungere anche le zucchine e lo scalogno, tutti tagliati a pezzi.
  3. Versate nella pentola dell’acqua fino ad arrivare all’orlo delle verdure. Aggiusta di sale e di pepe a piacimento e lasciate cuocere a fuoco medio con sopra il coperchio per circa 40 minuti.
  4. Al termine del tempo trascorso necessario alla cottura della vellutata, frullate tutti gli ingredienti con un mixer a immersione direttamente all’interno della pentola.
  5. Raggiunta la consistenza della vellutata, versatela dalla pentola ancora calda nei piatti da portata. Sopra condite con un filo d’olio extravergine d’oliva e servite in tavola la vellutata di zucchine e zucca. Qualora avanzasse qualcosa nel piatto, non si spreca niente. Potete conservare la vellutata tranquillamente in frigorifero all’interno di un contenitore, che si chiude ermeticamente ermeticamente, per un tempo massimo di 2 giorni. Inoltre, la vellutata è buona sia calda, che fredda.
Categorie
cucina

Sformatini di baccalà con salsa mediterranea | Ricetta light, sana e chic

Il baccalà è un merluzzo sotto sale, dunque un pesce ricco di proprietà benefiche, è ricco di proteine, light e povero di grassi, perfetto anche in versione chic nella ricetta degli sformati accompagnati da una sfiziosa salsa mediterranea.

baccalà ricetta light
Sformatino di baccalà con salsa mediterranea

Questo merluzzo sotto sale dal sapore intenso e unico, ossia il baccalà, è un ingrediente versatile in cucina e protagonista di numerose ricette della tradizione gastronomica. E’ un cibo tipico della nostra dieta, quella mediterranea, per questo è perfetto nella ricetta sana e light con una salsa dai sapori della nostra terra. Il pesce povero diventa chic in questo piatto gourmet ma salutare. Il baccalà, infatti, è un pesce magro ma è ricco di proteine e di omega 3, alleati del sistema cardiocircolatorio, ma anche di omega 6 e 9. Contiene la lisina, che è un amminoacido essenziale, e di vitamina A.

LEGGI ANCHE >>> Ricetta light e di stagione, insalata di agrumi e sarde

Sformatino di baccalà e salsa mediterranea, la ricetta light

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 g di baccalà sotto sale
  • 2 patate piccole
  • 1/4 di cipolla bianca
  • 1 cucchiaio di capperi salati
  • 30 g di pinoli
  • 2 dl di latte fresco intero
  • 1 albume
  • 12 olive nere snocciolate
  • 3-4 steli di erba cipollina tagliuzzati
  • 4-5 rametti di prezzemolo tritati
  • 5-6 foglie di basilico
  • 1 pezzetto di peperoncino
  • 3 pomodori a grappolo
  • 1 noce di burro
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale
  • Pepe

Preparazione:

  1. Pulite il baccalà. Scaldate 5-6 cucchiai di olio in padella, rosolate la cipolla tritata, unite il baccalà e lasciate insaporire. Bagnate con il latte e lasciate cuocere con il coperchio per 15 minuti.
  2. Quando il baccalà sarà cotto, sminuzzatelo con la forchetta, unite 2/3 dei pinoli tritati e cuocete per 2-3 minuti. Lessate le patate, sbucciatele, schiacciatele, incorporatene 150 g al baccalà, aggiustate di sale e pepe.
  3. Unite al composto 1 cucchiaio di prezzemolo e l’erba cipollina tritati, l’albume montato a neve con poco sale, mescolate e versate il composto negli stampini imburrati.
  4. Mettete gli sformatini in forno e cuoceteli a bagnomaria a 180° C per circa 30 minuti, finché si saranno rassodati e gonfiati al centro.
  5. Nel frattempo scottate i pomodorini in acqua bollente. Spellateli, tagliateli a dadini e cuoceteli per 10 minuti in padella con 4 cucchiai di olio e il peperoncino tritato. Unite le olive, i capperi sciacquati e cuocete per qualche istante. Unite il prezzemolo rimasto e il basilico tritati. Togliete dal fuoco.
  6. Capovolgete gli sformatini di baccalà sui piatti, distribuite intorno la salsa, guarnite con i pinoli rimasti ed erba cipollina a piacere. Servite.
Categorie
cucina

Salmone scottato all’aneto con citronnette, ricetta facile e light

Una ricetta light e semplice, anche veloce da preparare, dove il salmone è protagonista. Oltre a essere buono, quindi, questo piatto è anche salutare e perfetto per tutti quei pasti veloci della settimana senza rinunciare alla dieta.

salmone ricetta light
Foto di cattalin da Pixabay

Il salmone è una alimento light e sano, perfetto per essere consumato in un pasto veloce ma gustoso nel bel mezzo della settimana. Accompagnato dallo yogurt e una semplice salsa citronnette a base di limone, la ricetta diventa più ricca ma sempre leggera per bilanciare la dieta quotidiana. Il salmone è una preziosa riserva di omega 3, i cosiddetti acidi grassi polinsaturi, che non dovrebbero mancare mai sulle nostre tavole. Infatti, sono un toccasana per il cuore e per la circolazione, tenendo a bada la pressione e i trigliceridi, e contrastando anche l’azione dei radicali liberi.

LEGGI ANCHE >>> Ricetta sana e gustosa | Pesce spada in salsa rosata light

Salmone scottato con aneto e citronnette, ricetta light

Ingredienti per 6 persone:

  • 600 g di filetto di salmone senza pelle
  • 1/2 limone non trattato
  • 2 rametti di finocchietto selvatico o di aneto
  • 100 g di yogurt denso
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale
  • Pepe

Preparazione:

  1. Spolverizzate di sale una padella antiaderente e disponeteci sopra il filetto di salmone. Fate cuocere per 2 parti su ogni lato. Toglietelo dal fuoco, mettetelo su un piano di lavoro e cospargetelo con il finocchietto selvatico o l’aneto, ricordando di tenerne da parte un rametto.
  2. Adesso preparate la salsa citronnette. Spremete il succo di mezzo limone e versatelo in un vasetto di vetro aggiungendo 1 cucchiaio di olio, 1 cucchiaio di acqua calda, aggiustate di sale e pepe. Chiudete il vasetto e scuotetelo energicamente per miscelare gli ingredienti e amalgamare la salsa.
  3. A questo punto tagliate il salmone a fette sottili e sistematele in un piatto da portata. Insaporite con la salsa, spolverizzate con il finocchietto tritato o l’aneto tritato tenuto da parte e disponete sullo stesso piatto lo yogurt denso pepato. A piacere potete guarnire anche la scorza di limone tagliata a listarelle sottili.
Categorie
cucina

Gnocchi di rape al ragù di salsiccia, ricetta casalinga d’inverno

Un classico primo piatto di gnocchi in una ricetta tutta di stagione con le rape e un goloso ragù di salsiccia, per riscaldarci in queste fredde giornate d’inverno. Facili e buoni da preparare.

gnocchi rape ricetta
Foto di RitaE da Pixabay

Con le rape di stagione è possibile ottenere una ricetta gustosa, ricca e genuina totalmente preparata in casa, resa ancora più appetitosa da un goloso ragù di salsiccia di maiale. Le rape, innanzitutto, hanno pochissime calorie ma tanti elementi buoni per il nostro organismo. Tra le vitamine spicca la vitamina C, antiossidante e alleato del sistema immunitario, ma contiene anche vitamina A. Contengono inoltre l’acido folico e i carotenoidi, numerosi sali minerali come calcio, fosforo, potassio, magnesio, zolfo, iodio. Sono presenti anche le fibre, utili per la regolazione intestinale. Le rape contengono anche composti solforati e azotati, che stimolano i meccanismi antiossidanti e disintossicanti del corpo.

LEGGI ANCHE >>> Ricetta light e di stagione, insalata di agrumi e sarde

Gnocchi di rape e ragù di salsiccia, la ricetta

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 kg di rape
  • 4 etti di farina di frumento tipo 00
  • 1 cipolla
  • 1 rametto di rosmarino
  • 4 etti di pomodori pelati o di conserva di pomodoro
  • 1 uovo
  • 4 etti di salsiccia di maiale
  • 4 etti di ricotta di pecora
  • 2 bicchieri di vino rosso
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • Sale

Preparazione:

  1. Pulite le rape e cuocetele in acqua salata. Una volta che sono cotte, mettetele a raffreddare. Dopodiché passatele in un passaverdura e lasciatele sgocciolare bene.
  2. Mescolate le rape con la ricotta, l’uovo sbattuto, la farina di frumento e una presa di sale.
  3. Formate un impasto che dovrà risultare ben amalgamato, morbido e omogeno. A questo punto lavorate gli gnocchi, prendendo dei tocchetti di impasto e creano la tipica forma arrotondata.
  4. A questo punto pensate al ragù. Mettete a soffriggere la cipolla e gli aghetti del rosmarino, unitevi poi la salsiccia a pezzetti e lasciate insaporire. Bagnate con del vino rosso e fatelo evaporare, poi aggiungete i pomodori pelati e lasciate cuocere il sugo per circa mezz’ora. Aggiustate di sale.
  5. Lessate gli gnocchi velocemente, tirandoli su non appena salgono a galla, e condite con il ragù di salsiccia di maiale. Amalgamate bene gli ingredienti, mescolando con delicatezza per non rompere gli gnocchi e servite sulla tavola.
Categorie
cucina

Minestra di pane e cavolo nero, il meglio di stagione dai sapori di una volta

Ingredienti genuini, freschi, di stagione a comporre un piatto della tradizione, ricco e casalingo, che consumato il giorno dopo risulta ancora più buono. Parliamo della minestra di pane sciapo e cavolo nero, che danno vita alla famosa ribollita.

minestra di stagione con pane e cavolo nero
Minestra ribollita

Qualche verdura di stagione, poche spezie, del pane quasi raffermo e un paio di ore di cottura per creare una minestra invernale genuina, ricca, saporita e soprattutto tattica: anche se avanza, la minestra calda casalinga con pane sciapo e cavolo nero, sarà ottima se riscaldata il giorno dopo, per dare vita a quella che i toscani nelle tradizione chiamano ribollita.

LEGGI ANCHE >>> Ricetta di stagione | Minestra della nonna comfort food d’inverno

Minestra di stagione con pane e cavolo nero, la ricetta

Ingredienti per 4 persone:

  • 3 etti e mezzo di fagioli cannellini secchi
  • 1/2 kg di bietole
  • 1 cavolo nero
  • 1/4 di un cavolo verza
  • 4 etti di pomodori pelati
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 1 cipolla rossa
  • 2 cipollotti
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 10 foglie di basilico
  • Origano
  • Pane senza sale del giorno prima
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale
  • Pepe

Preparazione:

  1. Mettete in ammollo i fagioli il giorno prima di preparare la ricetta della minestra. Procuratevi anche del pane senza sale e tagliatelo a fette sottili per utilizzarlo il giorno seguente. Non sarà ancora raffermo ma buono per la minestra.
  2. Dopo le procedure primarie, il giorno dopo cominciate dai fagioli. Lessateli in 2 litri di acqua appena salata assieme a un filo d’olio.
  3. Affettate sottilmente la cipolla e fatela soffriggere con 2 cucchiai i olio extravergine d’oliva in una pentola capiente. Una volta che arriva a doratura, aggiungete i pelati, i fagioli cotti, tutte le verdure tagliate grossolanamente, tranne i cipollotti che utilizzerete alla fine, e gli odori. Lasciate cuocere a fuoco lento per 2 ore.
  4. Mettete le fette di pane in una zuppiera dal fondo piatto e versate la minestra calda creando degli strati. La minestra nel suo insieme dovrà risultare leggermente liquida. Infine condite con un filo d’olio, un pizzico pepe e i cipollotti tagliati finemente.
  5. Servite e consumate la minestra calda. Nel caso in cui avanzasse qualcosa, il segreto di questo piatto sta proprio nel tempo, poiché il giorno dopo la preparazione, potete rimettere sul fuoco la minestra avanzata girandola spesso. A questo punto cambierà sapore e potrete sperimentare la cottura della famosa ribollita toscana.
Categorie
cucina

Ricetta light e di stagione, insalata di agrumi e sarde

Vitamine e omega 3 in un unico piatto light e di stagione, rispettoso della natura e del nostro corpo: è l’insalata di agrumi e sarde, una ricetta sfiziosa per le giornate invernali e per accompagnare le nostre tavole. 

insalata di agrumi e sarde light
Foto di Wuttipong Nim-orm da Pixabay

Gennaio è il mese degli agrumi, frutta indispensabile da inserire nelle diete invernali grazie alle loro proprietà salutari per il nostro sistema immunitario. Ma oltre a una scorpacciata di vitamina C, esistono altre sostanze benefiche che ci aiutano a superare la stagione fredda e ad arricchirci per affrontarla al meglio in salute e benessere. Tra queste esistono gli omega 3, ossia grassi insaturi (i cosiddetti grassi “buoni”) che favoriscono la diminuzione dei livelli di colesterolo cattivo e sono contenuti nel pesce azzurro come le sarde. Non solo, questi pesciolini che nascono e crescono in mare aperto, sono ricchi anche di sali minerali quali selenio, calcio, iodio, fosforo, potassio, fluoro, zinco, nonché di vitamina A e di vitamina B. Come mettere insieme tutte queste proprietà così buone? In un’unica ricetta per preparare un’insalata sfiziosa, gustosa, light e sana a base di agrumi e di sarde.

LEGGI ANCHE >>> Ricetta light | Insalata ricca per la stagione invernale, in forma con gusto

Insalata light di agrumi e sarde, la ricetta

Ingredienti per 4 persone:

  • 10 filetti di sarde sotto sale
  • 10 olive nere in salamoia
  • 1 arancia
  • 1 limone
  • 1 ciuffo di prezzemolo
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 peperoncino
  • Olio extravergine d’oliva

Preparazione:

  1. Lavate l’arancia e il limone, tagliateli a dadini e metteteli in una ciotola, unendo le olive e un battuto preparato con peperoncino, prezzemolo e aglio.
  2. Mescolate, condite con olio extravergine d’oliva senza aggiungere sale e lasciate riposare per almeno un’ora al fresco.
  3. Dissalate le sarde immergendole in acqua dolce, asciugatele e dividete i filetti in due in lunghezza. Sistemate il pesce nel piatto e coprite con qualche cucchiaiata di insalata di agrumi.
Categorie
cucina

Puntarelle alla romana, ricetta di stagione secondo la tradizione

Le puntarelle alla romana sono un piatto tipico della tradizione dell’Italia centrale, una ricetta di stagione gustosa per preparare questa verdura dal sapore caratteristico e la consistenza croccante che la rendono ottima se consumata cruda. 

puntarelle alla romana ricetta di stagione
Puntarelle alla romana

Le puntarelle, che precisamente sono una cicoria asparago, meglio ancora i carnosi germogli della cicoria cespo o catalogna, sono un prodotto agroalimentare tradizionale (PAT) tipico dell’Italia centrale, in particolare del Lazio nelle zone di Gaeta e di Formia, in provincia di Latina. Sono famose soprattutto nella loro versione romana, dove a fare la differenza è il trattamento del germoglio, che viene tagliato fino a oltre la metà in listarelle e poi immerso in acqua gelida per almeno un’ora. La ricetta tende quindi a preservare quel loro sapore amarognolo caratteristico e tutta la croccantezza che le contraddistingue, lasciandole crude. La cicoria catalogna, oltre a essere buona, fa anche bene poiché contiene fosforo, calcio e vitamina A, inoltre possiede la proprietà di stimolare le funzioni digestive e diuretiche.

LEGGI ANCHE >>> Ricetta invernale | Dalla tradizione culinaria romana le seppie coi piselli

Le puntarelle alla romana, ricetta di stagione

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 cespi di cicoria catalogna
  • 1 spicchio di aglio
  • 6-8 alici (acciughe) sott’olio
  • Aceto di vino bianco
  • Olio extravergine d’oliva
  • Sale

Preparazione:

  1. Mondate la catalogna, scartando le foglie verdi esterne e le parti dure e legnose. Staccate da ogni ramo le foglie e, dopo averle tagliate e striscioline lunghe una decina di centimetri, immergetele in acqua fredda finché non si saranno arricciate.
  2. Nel frattempo preparate il condimento per le puntarelle. In un mortaio, oppure utilizzando un mixer, pestate le alici o le acciughe con l’aglio, l’olio extravergine d’oliva, il sale e qualche goccia di aceto bianco di vino.
  3. A questo punto scolate le puntarelle, salatele e mettetele in un’insalatiera. Conditele con l’emulsione cremosa e omogenea che avete preparato. Servite
Categorie
cucina

Frittelle con crema al lime, il comfort food della merenda

Le frittelle sono un comfort food che amiamo consumare in quei momenti in cui abbiamo voglia di qualcosa di sfizioso, goloso, ma facile e veloce. Provatele accompagnate da una fresca crema al lime.

frittelle lime comfort food
Foto di Marjon Besteman-Horn da Pixabay

Golosissime frittelle possono risollevarci la giornata come ogni comfort food sa fare. Ottime da sole, con una semplice spolverata di zucchero, sono eccellenti se accompagnate da una crema fresca ed equilibrata a base di lime e una spruzzata di spezie delicate ma aromatiche, come la cannella e lo zenzero.

LEGGI ANCHE >>> Ricetta d’autore | Il segreto per le crêpes perfette dello chef Cannavacciuolo

Ingredienti per 6 persone:

Per le frittelle:

  • 100 g di farina
  • Il succo di 1 lime
  • 1 bustina di lievito in polvere
  • Zucchero semolato
  • Olio d’oliva
  • Cannella in polvere
  • Zenzero in polvere

Per la crema:

  • 3 dl di succo di lime
  • 1 lime
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di amico di mais
  • 30 g di zucchero
  • 1/2 cucchiaio di liquore al limone

Preparazione:

  1. Innanzitutto preparate la crema al lime. Portate a ebollizione 2 dl di succo di lime, sciogliete l’amido nel succo rimasto, mettetelo in una terrina e mescolatelo con il tuorlo dell’uovo.
  2. Unite il succo bollente e cuocete a fiamma dolce, sempre mescolando bene, per 2 minuti fino a ottenere una crema densa.
  3. Trasferite la crema così ottenuta in una ciotola e aggiungete il liquore e la scorza grattugiata del lime. Lasciate raffreddare. Poi incorporate l’albume dell’uovo montato a neve con lo zucchero. Lasciate riposare la crema ottenuta in frigorifero per 3-4 ore coperta con un foglio di pellicola.
  4. A questo punto preparate le frittelle. Versate la farina setacciata in una ciotola, unite il lievito sciolto in 1,5 dl di acqua, una presa di cannella, un pizzico di zenzero e il succo del lime. Lavorate energicamente tutti gli ingredienti fino a ottenere una pastella liscia e consistente. Fatela riposare per 1 ora a temperatura ambiente.
  5. Trascorso il tempo necessario, versate la pastella a cucchiaiate nell’olio caldo e friggetela fino a ottenere tante frittelle dorate. Sgocciolatele su carta assorbente, passatele nello zucchero e servitele con la crema.
Categorie
cucina

Tarte brûlée al formaggio e limone, ricetta per una domenica golosa

Una variante golosa della famosa crème brûlée, è la ricetta della tarte brûlée preparata con formaggio fresco di capra e tutta la freschezza del limone, che dona il giusto equilibrio a un dolce perfetto per le voglie della domenica.

tarte brûlée limone formaggio ricetta
Foto di congerdesign da Pixabay

Le domeniche d’inverno di sole sono le giornate ideali da trascorrere all’aria aperta per una sana passeggiata e per, poi, tornare a casa e concedersi un piccolo peccato di gola assaporando la bontà di una tarte brûlée originale. Variante ricca della famosa crème brûlée, morbida dentro ma ricoperta da una leggera crosta croccante fuori, questa ricetta prevede due ingredienti diversi ma perfetti insieme per i contrasti di consistenze e di sapori: il formaggio fresco di capra e il limone, che dona acidità e freschezza alla parte più grassa del formaggio.

LEGGI ANCHE >>> Ricetta dolce | Torta Paradiso, un grande classico per il weekend

tarte brûlée formaggio limone ricetta
Foto di Stephanie Albert da Pixabay

Ingredienti per 4 persone:

  • 300 g di pasta frolla
  • 5 uova
  • 150 g di zucchero
  • 200 g di panna
  • La scorza grattugiata e il succo di 3 limoni
  • 40 g di formaggio di capra a pasta dura
  • 2 cucchiai di zucchero a velo
  • Panna montata per decorare

Preparazione:

  1. Foderare una tortiera di 26 cm di diametro con la pasta frolla. Rifilate i bordi con un coltello, punzecchiate il fondo con una forchetta, foderatelo con la carta da forno e riempitelo di fagioli secchi.
  2. Lasciate raffreddare il frigorifero per 15 minuti, cuocete in forno per 10 minuti a 200° C.
  3. Eliminate i fagioli e la carta e proseguite la cottura ancora per 6-7 minuti.
  4. In una ciotola mescolate le uova e lo zucchero, finché otterrete un composto ben amalgamato. Aggiungete la panna e il succo di limone senza smettere mai di mescolare.
  5. Passate la crema, così ottenuta, al setaccio e aggiungete la scorza grattugiata del limone. Spezzettate il formaggio di capra in modo da formare tante grosse briciole e con queste rivestite il fondo della crostata d pasta frolla.
  6. Versate sopra la crema di limone, rimettete il dolce in forno per un’ora e lasciatelo poi raffreddare per almeno 2 ore.
  7. Spolverizzate la superficie con lo zucchero a velo e caramellatela sotto il grill per 2-3 minuti.
  8. Tagliate il dolce a fette e decoratele con un ciuffetto di panna montata.